“la grandezza del limite”

Le associazioni culturali Gli Argonauti e Casa Tomada presentano una serie di eventi intitolati “la grandezza del limite” che si svolgeranno il 10, 11 e 12 settembre presso il Cortile di San Rocco (Via S. Rocco, 5, 41012 Carpi MO), tre giornate dedicate all’essere comunità.

In applicazione del DL 23 luglio 2021, n. 105, articolo 3, dal 6 agosto 2021, l’accesso agli eventi culturali e di spettacolo, anche all’aperto, è consentito esclusivamente alle persone munite di certificazione verde (green pass) COVID-19 (ottenuto con vaccinazione / negatività al test rapido nelle ultime 48 ore / guarigione dal covid-19 negli ultimi sei mesi).
La disposizione non si applica alle persone escluse per età dalla campagna vaccinale e ai soggetti esenti che devono presentare idonea certificazione medica. Alla persona sarà chiesto un documento di riconoscimento.
Consigliamo di arrivare agli eventi con abbondante anticipo per via delle procedure anti covid da affrontare all’ingresso.

Venerdì 10 settembre

ore 17

Performance collettiva

Ogni partecipante è invitato a lasciare il proprio “segno” sulla grande cianotipia che verrà realizzata con le piante spontanee della zona di Carpi nel pieno spirito di comunità di The Greenery Project.

ore 21

Proiezione del docufilm realizzato all’interno di “The Greenery Project”

Un cortometraggio dedicato alla nascita del progetto e alla scoperta delle realtà che nella nostra zona si dedicano alla cura, protezione e valorizzazione delle piante spontanee.

A seguire ci sarà la possibilità di aprire un dialogo con le realtà coinvolte nelle riprese del docufilm e approfondire il percorso che sta compiendo The Greenery Project.

Sabato 11 settembre

ore 18

“Ho fatto tutto per essere felice”
Enzo Piccinini, storia di un insolito chirurgo

Dialogo sul libro con:

  • dott. Isacco Montroni, responsabile U.O. Chirurgia Generale dell’Ospedale di Faenza
  • dott.sa Agnese Venuta, anestesista presso l’ospedale di Suzzara
  • dott. Andrea Veroni, neurochirurgo

“Com’è grande il pensiero che veramente
nulla a noi è dovuto.
Qualcuno ci ha mai promesso qualcosa?
E allora perché attendiamo?”
Cesare Pavese (Il mestiere di vivere)

ore 21

“Ubriaco d’universo”

Performances poetiche con alcuni giovani autori sul tema proposto “la grandezza del limite”
con:
Davide Cattini
Manuel Mollicone
Stefano Malagoli
Piera Donna
Marco Bini
Elisa Nanini
Stefano Serri
Kabir Yusuf Abukar

Domenica 12 settembre

ore 21

“FURORE”

Interpretazione liberamente tratta dal romanzo di John Steinbeck.

La storia di questo spettacolo comincia quando un giardiniere-lettore si imbatte in Furore e si commuove, fino alle lacrime, sull’ultima pagina del romanzo di Steinbeck. Quel giardiniere-lettore si accorge che quel libro parla a noi, adesso; che parla di noi, in quanto uomini che cercano di vivere meglio, di stare bene, e per questo si mettono disperatamente in viaggio, per il desiderio insopprimibile e forse impossibile di una vita più felice, più dignitosa, meno amara… di una terra promessa per cui sono disposti a rischiare tutto. E sente, il giardiniere-lettore, che in quell’ultima pagina c’è qualcosa di molto potente, c’è qualcuno che dona sé stesso perché un altro viva, e pensa che sentir parlare di questa possibilità data agli uomini di andare oltre sé stessi possa riaprire il cuore alla speranza di un bene…

Da qui nasce il desiderio di offrire a tutti la voce di Steinbeck e la storia che racconta, accompagnata da immagini e musiche straordinarie. Da qui, e dal fatto che il giardiniere-lettore ha la bella abitudine di condividere le sue scoperte con gli amici, per cui questo spettacolo è prima di tutto un gesto d’amicizia e un omaggio a un amico.

Gli Argonauti

Associazione culturale di Carpi (MO).